Grammichele: un incendio colpisce gli stabilimenti Kalat SRR (in aggiornamento)

kalatUn grave incendio ha colpito gli impianti Kalat SRR nella tarda tarda mattinata di sabato 1 Luglio, in Contrada Poggiarelli. Sul rogo indagano i carabinieri della compagnia di Caltagirone unitamente alla locale stazione di Grammichele.
«Sono deluso dalla sottovalutazione del problema, pare che l’incendio sia partito stamattina, e soltanto dopo 5 o 6 ore sono intervenuti i soccorsi per fronteggiare una situazione che ormai stava quasi avendo il sopravvento», queste le parole in diretta del primo cittadino di Grammichele, l’avvocato Giuseppe Purpora, intervenuto sul posto insieme agli assessori Morello e Lamagna verso le 13,45. Quest’ultimo ha spiegato le  dinamiche dell’incendio: si parla di un incendio propagatosi da sterpaglie esterne agli impianti, che, alimentato dal vento secco che percorre la zona industriale in queste ore, si è allargato ad alcune aree all’interno della struttura, in particolar modo alcuni edifici esterni in maniera lieve e le eco-balle di plastica già stoccate ubicate all’esterno. Il rogo di quest’ultime ha fatto scaturire un’alta colonna di denso fumo nero visibile da diverse decine di chilometri di distanza.

 

L’arrivo dei vigili del fuoco dei diversi distaccamenti anche grazie all’ausilio di un elicottero, ha stabilizzato in parte la situazione, ma già dalle ore 16.00, il vento in direzione contraria sta aggravando la situazione incentivando il propagarsi delle fiamme anche ad altri elementi strutturali e materiali all’interno degli impianti Kalat.
Sono presenti sul posto anche diverse ambulanze del 118, personale del servizio boschivo antincendio, polizia municipale di Caltagirone e cisterne idriche mobili di Caltagirone e Grammichele.

La situazione continua ad aggravarsi, ecco la situazione ore 16,00:

Una panoramica aggiornata alle ore 17,00:

 

Aggiornamento ore 18,30:

Arriva una comunicazione del Sindaco Purpora, tramite la sua pagina Facebook:

Pur non essendoci pericolo imminente per l’atmosfera a Grammichele, il Sindaco Giuseppe Purpora invita la popolazione alla prudenza fino all’intervento dell’ARPA. Ciò significa di evitare se possibile di stare all’aria aperta in queste poche ore; se possibile di chiudere le finestre: con particolare attenzione verso i bambini e gli anziani.
Ripetiamo: è solo una misura ispirata alla prudenza in attesa di conoscere l’entità dei fumi dispersi nell’aria, che comunque in questo momento spirano lontano da Grammichele.

Aggiornamento ore 20,30:  LE PRIME IMMAGINI INTERNE AGLI IMPIANTI KALAT SRR DOPO L’INCENDIO (clicca sulle immagini per ingrandirle)

Alle ore 20.30 è stato fornito un primo aggiornamento della situazione anche grazie alla possibilità di accedere all’interno delle strutture danneggiate dal rogo.
Dalle immagini fornite e sopra pubblicate si evince uno stato di danneggiamento elevato delle strutture e delle apparecchiature.
I primi cittadini di Caltagirone e Grammichele, hanno emanato un comunicato stampa congiunto nella quale si invitano i cittadini delle due città principalmente coinvolte a prestare massima attenzione alla situazione  derivante dalla direzione dei venti e la possibile presenza di agenti inquinanti.
Sul posto è intervenuta L’ARPA che ha posizionato particolari apparecchiature in grado di rilevare presenza di agenti chimici o polveri sottili, ma per avere un risultato effettivo si dovrà attendere il completamento delle fasi di analisi della durata di 24 ore.

AGGIORNAMENTO 2 LUGLIO ore 14:00

Dopo che, il rogo e’ stato spento all’alba, presso l’impianto di Kalat Ambiente Srr, sito alla zona industriale di contrada Santa Maria Poggiarelli questa mattina è ripartito nuovamente. Si attendono gli arrivi degli organi di competenza.

Cause da accertare e troppo presto per fare un bilancio dei danni. Ad indagare i Carabinieri della Compagnia di Caltagirone e Grammichele.

AGGIORNAMENTO 3 LUGLIO

Dopo aver concluso le operazioni di spegnimento degli ultimi focolari che hanno interessato la struttura impiantistica di kalat impianti, è lo stesso primo cittadino di Grammichele, l’avvocato Giuseppe Purpora a voler rassicurare tutti i cittadini, sulle reali condizioni della struttura dopo 2 giorni “di fuoco” e voler precisare che IL SERVIZIO DI RACCOLTA DELLA DIFFERENZIATA in atto a Grammichele, così come negli altri paesi del comprensorio NON SUBIRÀ’ NESSUNA INTERRUZIONE così come qualcuno ipotizzava.

ARTICOLO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo scaduto. Per favore ricarica il codice