Rotary Club Grammichele: Incontro “Gioco d’Azzardo tra Malattia e Nuova Dipendenza”

11270436_711080029014401_6821552919518806308_o      Il Rotary Club di Grammichele in collaborazione con l’Associazione DipendeDa hanno organizzato un incontro per parlare di Gioco d’Azzardo, una vera e propria malattia che contribuisce ad alimentare la crisi economica in atto.
Il Gioco d’Azzardo fa parte delle “Nuove Dipendenze”: dipendenze che si manifestano nella perdita di controllo sul comportamento al punto che la persona interessata senta l’urgente bisogno di dover praticare un’attività o il desiderio sempre più famelico di un oggetto. Il Gioco d’Azzardo patologico è una forma di comportamento compulsivo in cui l’individuo mostra una crescente dipendenza dal gioco, aumenta la frequenza e il tempo passato a giocare ed aumenta la spesa di ingenti quantità di denaro, spesso al di sopra delle proprie possibilità, mirata al guadagno e al recupero delle perdite.
Durante l’incontro a prendere la parola sono stati il presidente della sede del Rotary Club di Grammichele, l’avvocato Giuseppe Piccolo e i diversi rappresentanti dell’associazione “DIpendeDa”
Durante la manifestazione le Associazioni interessate hanno promosso l’apertura di uno sportello di aiuto alle famiglie vittime di questa dipendenza.

APPROFONDIMENTI NELLE INTERVISTE REALIZZATE DALLA NOSTRA REDAZIONE


L’associazione “DipendeDA” nasce a Caltagirone nel 2013 per volontà di un gruppo di professionisti interessati alle “nuove dipendenze”.
L’associazione è attiva su tre ambiti di intervento: prevenzione primaria, secondaria e terziaria. La prevenzione è l’insieme di azioni finalizzate ad affrontare situazioni problematiche conclamate o ridurre il rischio e la probabilità che si verifichino eventi e situazioni non desiderate.
Per ulteriori informazioni in merito è possibile consultare il sito internet :www.dipendeda.org

One comment to “Rotary Club Grammichele: Incontro “Gioco d’Azzardo tra Malattia e Nuova Dipendenza””
  1. malattie e dipendenze quando e la povera gente disperata a cercarla…ma diventa terapeutica e curativa e forse a breve anche mutuabile purche serva a potere portare introiti che servono a poter sostenere politici e politica con tutti vizi e privileggi inclusi ..del resto lo dicono sempre tutti il denaro e ..inodore non importa da dove provenga……sta a voi culturati a trovare una scusa o scusante per addolcire la cosidetta pillola

Rispondi