Grammichele, e i precedenti all’ARS

Il prossimo 5 novembre verrà eletto il nuovo presidente della regione Siciliana, e ovviamente verrà rinnovata l’ARS, Assemblea Regionale Siciliana. Nella storia non sono molti i nati a Grammichele, quindi grammichelesi di nascita, che hanno poi rappresentato la città esagonale nel massimo organo politico della nostra Regione, oltre al nostro concittadino Raffaele Lombardo, per diversi anni anche Presidente della Regione (anche se, per essere precisi, all’anagrafe Lombardo risulta nato a Catania).

Il palazzo dei Normanni di Palermo, sede dell’ARS

 

Paolo De Grazia

Dagli archivi spunta un nome che a Grammichele viene ricordato solo nell’intitolazione di una strada, in contrada Palazzotto. È nato il 29 settembre 1907 proprio nella nostra città, ed eletto per ben tre volte al Parlamento regionale, negli anni d’oro della DC. In occasione delle elezioni per II legislatura ha ottenuto 25.543 voti di preferenza su 142.414 di lista (17,94%), per la III legislatura, invece, 38.212 voti, e la quarta 25.874 voti.

De Grazia è stato anche Assessore regionale ai Trasporti, Comunicazioni, Pesca ed Artigianato, nonché Assessore regionale alla P.I e Assessore regionale all’Amministrazione Civile e Solidarietà Sociale. Sindaco di Grammichele, anche, dal 22 agosto 1943 al 24 giugno 1944, in pieno periodo di guerra.
De Grazia è morto il 3 febbraio 1984 ed è sepolto proprio nel nostro civico cimitero, nella splendida tomba di famiglia.

Raffaele Lombardo

Prima di diventare Presidente della provincia di Catania e Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo ha ricoperto anche il ruolo di deputato all’ARS agli albori della sua carriera politica. Il 22 giugno 1986 è eletto deputato all’Assemblea Regionale Siciliana nel collegio di Catania per la DC, con 37.900 voti di preferenza su 204.647 di lista. Il 18 giugno 1991 viene rieletto con 64.887 voti di preferenza su 241.659 di lista. La sua ultima esperienza all’ARS durerà poco più di un anno, perché nel ’92 è costretto a dimettersi perché coinvolto in due inchieste giudiziarie.

Angelo Lombardo

Fratello minore di Raffaele Lombardo, eletto come Presidente della Regione nel 2008, Angelo Lombardo è stato eletto nella lista MPA durante le elezioni del 2006, con 18.046 voti di preferenza su 129.443 di lista (13,94%). Dopo 2 anni si dimise dopo aver ricoperto la carica di Vice Presidente della Commissione Attività Produttive, dopo aver fatto il salto nazionale. Nelle elezioni del 2008 infatti fu eletto come deputato della Camera.

Concetta Raia

Questa volta non si candiderà, dopo due legislature, e 9 anni intensi. Concetta Raia ha deciso di fare un passo indietro, e permettere la candidatura di Angelo Villari (li abbiamo intervistati qualche giorno fa), sempre all’interno del gruppo del Partito Democratico.
Eletta la prima volta, nel 2008, con 8608 preferenze, e poi riconfermata con 9708 voti nel 2012, ha ancora ricoperto il ruolo di presidente della Commissione di esame delle attività dell’Unione Europea e componente della Commissione Attività Produttive, già vice presidente e componente Commissione UE e della Commissione Ambiente e Territorio

5 NOVEMBRE: c’è tanta Grammichele

Saranno ben 3 i candidati grammichelesi alle prossime elezioni regionali. Due sosterranno la candidatura di Musumeci, una quella di Micari. Stiamo parlando di Giuseppe Compagnone, Natascia Palermo e Rocco Zapparrata.

L’ex sindaco della nostra città per 10 anni, dopo un’esperienza quinquennale al Senato, nel gruppo  ALA-SCCLP, tornerà a candidarsi per una competizione siciliana, con il gruppo a sostegno di Musumeci. Così come Zapparrata, già consigliere comunale del comune di Grammichele durante l’ultima sindacatura Canzoniere, segretario provinciale del movimento Noi con Salvini, nonché primo firmatario della mozione di sfiducia allo storico Sindaco grammichelese.
Natascia Palermo, anche lei ex consigliere comunale, eletta proprio nelle liste a sostegno di Salvatore Canzoniere, impegnata da tempo nel sociale, s candiderà a sostengo di Fabrizio Micari.

Rispondi