Grammichele: il plesso “Ugo la Malfa” con i riscaldamenti a singhiozzo; protestano i genitori.

Scatta la protesta dei genitori degli studenti del plesso scolastico “Ugo la Malfa” di Grammichele, dove per il secondo giorno, gli stessi hanno preferito non portare a scuola i propri figli a causa di un continuo disservizio ai riscaldamenti presenti presso l’istituto.
Infatti, come dichiarato, dalla vice-presidente del consiglio di istituto, durante un presidio di genitori, radunato davanti i cancelli del plesso, si evince che ormai dalla normale attivazione dei riscaldamenti del plesso, previsto per il 20 novembre, ad oggi non si è entrato in regime di funzionalità corretta.
i riscaldamenti a causa di malfunzionamenti, non riesce a garantire la regolare accensione per la durata delle lezioni, provocando uno sbalzo di temperatura all’interno delle classi.
Diverse e segnalazioni presentate all’amministrazione sia da parte dei genitori e sia da parte dello stesso dirigente scolastico, il quale già da tempo , ha portato a conoscenza dei notevoli problemi presenti all’interno dell’istituto.
A completare il mancato funzionamento corretto dei riscaldamenti, si aggiungono problemi riscontrati per diverse infiltrazioni nei solai dello stabile e infissi non adeguati a garantire l’ingresso di aria fredda dall’esterno.
Dita puntate contro chi di competenza, ancora oggi non provvede nei tempi previsti alla regolare manutenzione delle strutture scolastiche.
Di seguito l’intervento della vice-presidente del consiglio di istituto ai nostri microfoni.

,
One comment to “Grammichele: il plesso “Ugo la Malfa” con i riscaldamenti a singhiozzo; protestano i genitori.”
  1. Condivido le legittime richieste di Graziella Palmieri, che non è intervenuta a solo titolo di “mamma”, ma nella qualità di vice presidente del Consiglio di Istituto, in totale condivisione con la presidenza dello stesso consesso. Purtroppo è una situazione paradossale che si ripete annualmente. Chiediamo da anni interventi risolutori e non interventi tamponi, che nel tempo, probabilmente, verrano a costare anche di più. Il fine è solo garantire ambienti di apprendimento più sicuri e confortevoli per i nostri figli. Michele Sinatra Presidente del Consiglio di Istituto dell’Ist. comp. Galilei – Mazzini di Grammichele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo scaduto. Per favore ricarica il codice