I sindaci del calatino chiedono l’attivazione di uno screening per la popolazione scolastica

I Sindaci dei Comuni che fanno parte del Comprensorio Calatino, a seguito dell’incontro tenutosi in data odierna presso la Sala Consiliare del Comune di Militello in Val di Catania, vista la terribile esplosione pandemica, al fine di tutelare la salute pubblica delle proprie comunità, chiedono all’Asp e alle istituzioni tutte, l’attivazione dello screening della popolazione scolastica da effettuarsi entro il 9 gennaio p.v.,per poter far ripartire le scuole, almeno in parziale sicurezza o,in ogni caso, se necessario, il differimento dell’apertura delle scuole.
Altissima la tensione e la preoccupazione per la fine delle vacanze natalizie ed il ritorno tra i banchi di migliaia di ragazzi in un momento dove i contagi crescono in modo vertiginoso, per altro in presenza di un disallineamento dei dati per la difficoltà di confermare ufficialmente molti positivi.

La variante Omicron ha una contagiosità molto alta e, pertanto, c’è il serio rischio che con il ritorno a scuola,i contagi possono moltiplicarsi ulteriormente.

“In assenza dell’effettuazione dello screening – dicono i sindaci – o se sarà necessario, del differimento dell’apertura delle scuole,procederemo ad emettere ordinanza per la chiusura dei plessi scolastici,almeno fino al 15 gennaio, di tutte le scuole di ogni ordine e grado pubbliche o private.

Abbiamo il dovere di tutelare la salute delle nostre comunità. Tra l’altro moltissimi dirigenti scolastici,attualmente più di 600, tra cui diversi siciliani, hanno scritto al Governo chiedendo di optare per la Dad, addirittura fino al 31 gennaio prossimo, in quanto ritengono anch’essi che sia davvero difficile in questa fase garantire la massima sicurezza”.

,

Rispondi