Grammichele: dedicata ai Santi Patroni il largo in via Fratelli Cervi

Era una villetta abbandonata a sé stessa, piena di erbacce, rifiuti, frequentata poco (e male). Spesso un problema per gli abitanti della popolosa zona del Calvario. Adesso la villetta di via Fratelli Cervi, a Grammichele, è stata dedicata ai Santi Patroni, San Michele e Santa Caterina. Nelle scorse settimane proprio l’associazione, coadiuvata da un gruppo di volontari ed aiutata da qualche commerciante locale, ha ripulito la villetta, le ha ridato vita, curando di nuovo il verde, buttando via i rifiuti, sistemando il muretto, ridipingendo le ringhiere.

dedicata ai santi patroni via cervi grammichele (7)Nel pomeriggio del 9 maggio, il giorno dopo i festeggiamenti dedicati ai Santi Patroni di Grammichele, si è una piccola folla, e il presidente dell’associazione dei devoti, Francesco Tornello, insieme a Gianfranco Viola, il Sindaco della città, Giuseppe Purpora, l’assessore Natascia Palermo, padre Massimiliano D’Auria e il comandante dei Vigili Urbani, hanno svelato la targa con la nuova denominazione del Largo.

È stato un luogo sempre abbandonato. Qualche volta siamo venuti a fare pulizie straordinarie. È stato un luogo messo da parte. Doveva essere un luogo da valorizzare, lo stiamo facendo tramite un lato buono della società.  – ha dichiarato il Sindaco PurporaQui abbiamo veramente trovato di tutto in passato, era un ricettacolo di rifiuti. Dobbiamo voler bene alle cose comuni, soltanto così si può vivere in una società e un contesto territoriale decente e degno.

Il presidente dell’associazione dei Devoti, Francesco Tornello, ha chiuso la breve cerimonia ringraziando tutti i volontari che hanno dato dignità all’area e le varie ditte che hanno donato qualcosa per poter compiere le varie operazioni.

Ho parlato più volte con i residenti per quello che accade spesso qui. – ha aggiunto Tornello – Già stamattina abbiamo dovuto mandare un ragazzo a dare una ripulita. Quello che vi possiamo promettere è che faremo richiesta di fare sorveglianza, di avere più controllo. Appena sentite qualcosa però è importante che chiamate le forze dell’Ordine“.

,

Rispondi