Occhiolà: arrivato il decreto di finanziamento, 400.000 euro per il Parco Archeologico

Una notizia attesa da tempo, uno spiraglio di speranza che illumina il futuro di uno dei luoghi più amati e allo stesso tempo abbandonati di Grammichele. Da ieri è ufficiale che è stato approvato il finanziamento per il Parco Archeologico di Occhiolà.

occhiolà

Occhiolà, antico borgo medioevale antenato di Grammichele, fu distrutto dal Terremoto del 1693 ed abbandonato dai pochi superstiti che si spostarono sul “chianu delli purrazza”, dove ora sorge la nostra Piazza Carafa e da dove è partita la storia di Grammichele, a partire dal 18 aprile dello stesso anno.

Diverse sono state le iniziative che hanno provato a riportare Occhiolà in vita negli ultimi 10 anni. Dalle varie edizioni dei “Presepi viventi”, che hanno portato turisti ed appassionati a rivisitare le rovine del borgo, alle varie manifestazioni religiose, ma ad ogni passo avanti seguivano poi 2 passi indietro. Per via della sua particolare posizione (lontano dal centro della città, isolato), il Parco è stato sempre vittima di vandalismi ed abbandono.

Con la notizia di ieri, data dal Sindaco Purpora e in coro dal resto dell’amministrazione, si spera che questo triste e lungo periodo si chiuda e si riesca a dare di nuovo lustro ad un luogo così importante per la nostra storia.

Purpora ha annunciato sulle sue pagine social di aver ottenuto un finanziamento pari a 418.914,00 euro, che saranno destinati alla manutenzione e la messa in sicurezza di Occhiolà, sistemazione dei percorsi esterni, attraverso il rifacimento della staccionata, l’installazione di panchine, cestini e rastrelliere per bici, il risanamento dei casolari esistenti e la realizzazione di un museo della civiltà contadina e del paesaggio agrario.

occhiolà finanziamentoi

Il decreto di finanziamento

Il Sindaco ha poi così rassegnato la propria soddisfazione: “Continuiamo ad andare avanti senza arretrare di un passo, lavorando con la determinazione e la sinergia degli uffici pubblici comunali e regionali e con la collaborazione di chi, privati ed associazioni, intendono raggiungere traguardi che premiano la nostra Comunità.

,

Rispondi